Prestito infruttifero

Prestito infruttifero: cos’è e perché utilizzarlo

Non sempre i creditori che effettuano dei prestiti ottengono degli interessi in cambio del denaro prestato. Esiste una tipologia di prestiti in cui non sono presenti interessi, stiamo parlando del: prestito infruttifero.

Perché qualcuno dovrebbe effettuare un prestito senza richiedere un tasso d’interesse in cambio?

Questo avviene nel caso in cui un familiare o una persona molto vicina al debitore presta dei soldi. In questo caso il familiare potrebbe decidere di non richiedere alcun tasso d’interesse proprio per lo stretto legame con il richiedente. Non significa però che utilizzando questa tipologia di prestito si possano fare transazioni senza dare alcuna giustificazione. Infatti ci potrebbero essere dei controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate perché potrebbero essere considerati come “riciclaggio di denaro sporco”. Proprio per queste ragioni quando si effettua un prestito infruttifero è importante seguire delle regole.

Prestito infruttifero: scrittura privata

La prima tipologia di prestito infruttifero che prendiamo in considerazione è quella regolamentata da una scrittura privata fra le parti. Il prestito infruttifero scrittura privata garantisce alle parti di non ricevere alcuna sanzione da parte dell’Agenzia delle Entrate che effettua il controllo. In questo caso verrà indicato l’importo della transazione, la data, il luogo, la tipologia di pagamento, la durata, e si afferma che una parte è debitrice dell’altra senza però dover pagare degli interessi.

Questo documento si può anche registrare presso l’Agenzia delle Entrate. Per fare questo si dovrà pagare l’imposta di bollo da 16€ ogni 4 facciate del contratto e anche l’imposta di registro pari al 3% dell’importo prestato. Questa imposta bisogna pagarla entro 20 giorni dalla data indicata nella scrittura privata.

Quando si procede in questo modo si avranno tutte le garanzie necessarie affinché l’operazione del prestito infruttifero non porti a delle sanzioni nei confronti dei due soggetti che hanno agito regolarmente.

Prestito infruttifero e cambiali

A differenza del prestito infruttifero scrittura privata, in questo caso è garantito da cambiali. Con questo strumento che possono utilizzare anche i privati è necessario pagare un’imposta di bollo del valore del 12 x 1000 dell’importo totale indicato nella cambiale. In questo caso il creditore, qualora il debitore non dovesse far fronte alla restituzione del debito, potrebbe richiedere l’esecuzione forzata del titolo.

Questi sono due dei metodi per effettuare legalmente un’operazione di questo tipo. Non ti resta che scegliere quello che più fa al caso tuo e godere della possibilità di usufruire di un prestito infruttifero fra privati senza tasso d’interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *